xxxvi

che siamo ora, mia diletta? anche se fuggono i giorni e per scherno ha violato il tempo i bei corpi (orgoglio di giovinezza) non altro saprei trovarmi intorno che valga i tuoi seni appassiti