xxxv

dove la pienezza mischiata di sospensione angosciosa dove la pienezza antica odorosa di seme non estraneo?

ora l’angoscia insistente bordone alla vita di un uomo grumo che volta a volta si contrae a ogni effusione

nulla cambia a questo seme che a sollecitarlo o e ad accoglierlo sia carne altrui