xxxiv

presenza che non so se tu sia più pervasiva o più accogliente corpo chimerico opalescente traslucido da alterarne il tempo e lo spazio come massiva stella lasciala intatta la geometria del mio mondo ché ho bisogno di una percezione spigolosa non di te molle e accogliente