xxxi

continua a bruciare la fredda scambievole violenza che ci tiene insieme che a me strappa le ore minuto a minuto a me consapevole a me di marmo sanguinante come il giocatore incatenato al tavolo che lo spoglia

ma alla nuova se ci sarà io chiedo gli occhi senza sguardo i passi serrati a un binario che corre presso alla frontiera delle mie cose e una cura perentoria e giorni di angoscia q.b.