xvii

fioritura di sangue in cristalli sapidi tesoro a milioni di tornesi pompeiani

colmarne la conca delle mani impiastricciarsi di sangue o mangiarseli uno a uno calibrando il capriccio?

è gioco da equilibrista non lasciarne cadere uno neppure dei grani di prosapia fenicia

a pena di sbucciare dai petali ardenti onde lo si sigillava un pezzetto di mondo