xii

ci si disperde più volentieri in superbo autarchico trionfo che nel concedersi a invito di donna o di uomo

ma disperdersi è compromettersi è assentire all'imperfezione di un consumo frettoloso e io non ricordo fu mai senza lesioni il mio piacere